_RC_6372.jpg
Programma e spiegazione 9-8-2020

1. Sonata n ° 16 in si bemolle maggiore.

D. Cimerosa (1749-1801)

Domenico Cimerosa, compositore della seconda metà del XVIII secolo, contemporaneo di Haydn e Mozart. Italiano in tutto e per tutto e famoso per le sue opere. Come hai sentito, ha anche scritto sonate per pianoforte. Quello non era affatto il pianoforte che conosciamo e, inoltre, molte persone a quel tempo suonavano semplicemente questa musica con il loro clavicembalo, perché quel pianoforte aveva solo circa 30 anni. Poiché non è così legata a uno strumento, la musica suona benissimo anche su un organo a canne e poiché il tema è molto simile a una famosa canzone di compleanno, abbiamo aperto il concerto con questo! Il brano successivo, sempre di Domenico Cimerosa, è il concerto per oboe e archi. E come tante famose opere musicali, anche questo è un falso. Nella misura in cui Arthur Benjamin realizzò questo concerto nel 1949 con tutti i tipi di musica delle stesse sonate di Cimerosa e lo trasformò in un concerto per oboe. Ma la musica non è meno bella! Ascolterai due parti di questo concerto, di Cimerosa e non ...

2. Siciliano e Allegro guisto (parti III e IV)

D. Cimerosa
dal concerto per oboe e archi
(composto da Art. Benjamin)

Intorno al 1740, il grande Bach scrisse una grande opera in cui voleva rendere omaggio agli insegnamenti di Lutero e alla sua abilità artistica. Ha composto il cosiddetto "Clavierübung", l '"esercizio Klavier". Ora non dovresti intendere la parola "esercizio" come un allenamento per la tastiera, ma più come un tentativo di creare un grande monumento.
E anche Bach lo fece. In tre parti, perché tre è un numero sacro. Il terzo movimento, di cui parleremo questo pomeriggio, è in realtà composto interamente per l'organo e comprende tutte le parti cantate in una celebrazione luterana: il Kyrie, il Gloria, la Confessione di Fede, ecc. Ma Bach apre l'opera con un gigantesco preludio, un grande preludio, in cui espone Dio Padre, Figlio e Spirito Santo. L'apertura dei lavori è molto solenne e maestosa, quella che all'epoca era chiamata la cosiddetta "Ouverture francese". Questo maestoso simboleggia Dio Padre. Il secondo tema inizia con una sorta di eco e della musica più dolce e rappresenta lo stile italiano ma anche Dio Figlio. Il terzo tema è una scala discendente che alla fine termina con una fuga e sta per il tedesco nella musica e per lo Spirito Santo che discende. È una delle più grandi opere per organo di Bach e puoi impiegarci 10 minuti!

Poi un po 'più di conforto per ascoltare: dal concerto per oboe di Hummel. Hummel probabilmente non ti dirà molto perché è l'epitome di una grandezza dimenticata. Ai suoi tempi le sue abilità erano alla pari di quelle di Beethoven e Mozart. Amico di Schubert, inventore della pensione per musicisti e noto compositore di concerti di chitarra, tra gli altri! Anche questo concerto per oboe è di alta qualità: il primo pezzo, l'adagio, è caratterizzato dalla bella melodia e dagli accordi emozionanti. La seconda parte è un semplice brano musicale con una variazione per l'orecchio, ma un grande lavoro con molte note per l'esecutore!

Ma prima la serietà di Bach!

3. Praeludium in mi bemolle gr. t. BWV 552

JS Bach (1685-1750)    

   

4. Adagio e Variationen - op.102

Joh. Falso. Hummel (1778-1837)

     per oboe e orchestra

 

Frans Bullens non solo suona l'organo, ma compone anche un po 'e talvolta scrive un brano musicale per qualcuno come regalo di compleanno. Lo chiamiamo un lavoro occasionale. Ed è così che è nata questa piccola berceuse.

Il lavoro successivo è stato composto alla fine degli anni '90 ed è di una qualità completamente diversa. È stato scritto per l'oboe contralto, un fratello maggiore dell'oboe regolare, con l'organo come strumento di accompagnamento. Ma il compositore non ha certo subordinato l'organo al solista. Combattono la battaglia insieme, per così dire, a volte con l'oboe nel ruolo principale, a volte con l'organo. La forma del brano è quella della sonata e si possono sentire chiaramente i due temi dell'opera: uno piuttosto impetuoso, l'altro un po 'più gentile.

Gli esecutori sono ora arrivati ​​in cima all'organo. Questo organo, costruito da Wilhelm Rütter nel 1882, è un monumento nazionale in sé e di particolare valore. Suona molto diverso dall'organo del coro che hai sentito tutto il tempo. All'organo Rütter si assapora, per così dire, l'atmosfera marrone scuro del rovere del mobile!

5. Berceuse n. 1 in La (1954 -)

P. Bullens

6. Pezzo da concerto n. 1 in sol - per oboe contralto e organo

P. Bullens

Dopo questi lavori di Bullens, i musicisti scendono di nuovo sulla terra. Resteremo per un po 'con l'oboe contralto. Per inciso, lo strumento è anche chiamato "corno inglese", una traduzione del francese "Cor d'anglais", ma c'è poco inglese e non è nemmeno un corno. È così che le cose possono diventare strane nel mondo della musica!

Il brano successivo è una canzone di Gabriel Fauré, che si presta perfettamente all'oboe contralto, per la sua deliziosa melodia e gli splendidi accordi che ora vengono suonati sul grande harmonium Rushworth & Dreaper, in prestito dal Volckaert.

Quindi passiamo a un pezzo di spavalderia di prim'ordine: l'ouverture 'Dichter und Bauer'. Originariamente "Dichter und Bauer" era una farsa teatrale in cui Franz von Suppé scriveva la musica. L'Ouverture è stata l'introduzione a questo lavoro scenico. In tutta ingenuità von Suppé ha venduto la sua musica a un editore per 8 fiorini, ma in seguito si è rivelato un enorme successo: ogni compagnia, dall'orchestra sinfonica alla fanfara, ha suonato l'opera. E così l'editore divenne ricco e il creatore stesso no. È così che può andare nel mondo della musica….
Ovviamente il lavoro non è affatto scritto per organo, ma puoi suonarlo bene sull'organo. In Inghilterra lo adorano; suonare musica lirica, ecc. con l'organo è una tradizione lì. Nei Paesi Bassi calvinisti ciò non fu fatto e nemmeno la Chiesa cattolica ne voleva granché. Al giorno d'oggi siamo un po 'più indulgenti e sicuramente in un giorno di festa come oggi!

7. A près un rêve - op. 7 n. 1

G. Fauré (1845-1924)

8. Overture "Dichter und Bauer"

P. v. Suppé (1819 - 1895)

 

Una melodia o un pezzo molto popolare è associato a quasi tutti gli strumenti. Certo, la "Toccata" di Bach si attacca all'organo, lo sanno tutti. Al pianoforte "Für Elise", alla tromba la "Marcia trionfale" dell'Aida e così via. Questo vale meno per l'oboe, sebbene ci siano innumerevoli brani in cui l'oboe gioca un ruolo di primo piano.
Il compositore cinematografico recentemente scomparso Ennio Morricone ha scritto le musiche per il film "The Mission" nel 1986. Il tema principale è per l'oboe, poiché anche il personaggio principale del film, padre Gabriel, un missionario, suona l'oboe stesso.

     

9. Oboe di Gabriel

E. Morricone (1928-2020)

2 Berceuse in A.

P. Bullens

In occasione del compleanno di Frans Bullens, Petra Schoonenboom e Rick Muselaers (organo) hanno eseguito 2 delle sue composizioni.

E poi arriviamo addirittura all'ultima parte di questo pomeriggio con il ricordo di una bella pubblicità sulla birra, così che l'acqua ci entri in bocca e possiamo fuggire velocemente nei giardini dove la birra scorre a fiumi.

L'artigianato è maestria

Cl. V. Mechelen (1941 -)

Registrazione: Jef Geerinckx

Petra Schoonenboom

Petra Schoonenboom ha studiato oboe con Frank Minderaa al Brabants Conservatorium (diploma 1989) e ha seguito il corso di educazione musicale Musicians 4 presso il conservatorio di Amsterdam (diploma 2017)

Ha lavorato come insegnante di oboe e insegnante / allenatrice di musica con varie armonie, il Kunstpoduim di Dongen, il Pieck di Drunen e l'Arts Center di Waalwijk.

Attualmente lavora come sostenitrice del dipartimento di educazione e insegnante di oboe al Kunstkwartier di Helmond e come insegnante / allenatrice di musica per il CKE di Eindhoven.

Da studentessa, Petra è stata associata all'ensemble Ricciotti di Amsterdam.
Per anni ha suonato con la band 'Orpheus' a Tilburg,
è stato oboista nell'orchestra XL Jazz diretta da Martin Fondse,
era oboista con armonia VenV in Waspik e suonava in vari ensemble e orchestre "ad hoc".

Frans Bullens.jpg
Frans Bullens

ha studiato organo con Maurice Pirenne al Conservatorio Brabant (diploma nel 1978) e tastiere elettroniche-musica leggera presso lo stesso istituto (diploma nel 1996).

Dal 1970 al 1980 Frans è stato organista presso la chiesa di St. Lambertus a Veghel. Nella sua vita lavorativa è stato associato alla fondazione "Het KunstPodium" - Dongen, Gilze & Rijen e alla fondazione "H 19" di Oosterhout come insegnante di organo, tastiere, pianoforte e formazione corale.

Al momento Frans Bullens è ancora attivo come direttore di coro-organista nella Parrocchia di Dongen e come tale associato alla Chiesa di San Lorenzo, dove, oltre all'organo, dirige anche il Coro misto St. the Gregorian Choir. È anche maestro di coro presso la Basilica di St. Jan a Oosterhout e nella parrocchia St. Elisabeth a Raamsdonk e Raamsdonksveer.

È membro del consiglio di amministrazione della Ned. St. Gregory Association della diocesi di Breda, membro del consiglio del Dutch Gregorian Festival e consigliere della Ludens Foundation e della Mattheus-Passion Foundation, entrambe a Oosterhout. A volte, Frans Bullens è anche organista, compositore ed editore di molta musica strumentale e vocale (da chiesa).

Molti dei suoi salmi di risposta sono pubblicati nelle messe domenicali di Gooi & Sticht e nell'abbazia di Berna. Per la diocesi di Breda ha scritto la "Messa vd H. Geest" e quattro salmi di risposta per la Vormselliturgie. Per l'ordine dei monfortani compose due serie di cantici di Montfort in una traduzione di A. Govaart, entrambi pubblicati su CD. Ha anche composto 6 canzoni per la raccolta Canzoni francescane che è stata pubblicata nel 2019.