Achtergrond%20Zomerconcert_edited.jpg

1. Praeludium in si minore - BWV 544

JS Bach (1685-1750)

Uno dei migliori lavori di Bach per organo; virtuoso, drammatico, capriccioso… Due voci partono dall'alto. Quando viene aggiunto il pedale, la musica viene immediatamente portata ad un punto più alto, dopodiché si sviluppa un nuovo secondo tema e un terzo più avanti. Una questione estremamente complessa in cui Bach si dimostra ancora una volta il vero maestro, molto più avanti dei suoi tempi. Una splendida apertura di questi concerti estivi!

Le tre opere seguenti sono accompagnate e suonate dall'organo Rütter. Questo strumento del 1882 è un monumento nazionale e uno dei pochi organi del costruttore di organi di Kevelaar.

Prima di tutto, ascolterai un'opera di Hendrik Andriessen: una canzone su un testo del monaco medievale e mistico Thomas à Kempis. Andriessen scrisse l'opera nel 1919 in due versioni: una per orchestra e una per organo. Il solista canta dell'amore della porta accanto con grandi linee drammatiche. Nota: a metà la musica si ferma e poi continua in modo molto tranquillo, un momento meraviglioso!

Poi ascolterai un'opera del compositore polacco Surzinsky, sconosciuto nei Paesi Bassi ma molto popolare in Polonia. La composizione è abbastanza semplice nel design: una forma ABA, in cui la parte centrale ha un bel carattere immobile.

La torta Jesu di Fauré non ha quasi bisogno di spiegazioni. Originariamente "Pie Jesu" è l'ultima parte delle sequenze "Dies Irae" in cui viene cantato il giorno del giudizio finale. A Fauré non piacque, ma trovò che l'ultima parte delle sequenze meritava di essere riscritta; ed è diventato famoso in tutto il mondo

2. Magna res est amor

H. Andriessen (1892 - 1981) su testo di Thomas à Kempis

Traduzione:

L'amore è una questione di grande valore, preziosa soprattutto buona:

è l'unica cosa che rende leggere tutte le cose pesanti;

che sopporta tutto ciò che è ineguale allo stesso modo.

Niente di più dolce dell'amore

niente di più forte, niente di più alto, niente di più ampio, niente di più delizioso,

niente di più ricco e migliore in cielo e in terra.

Perché l'amore è nato da Dio,

e lei sola può riposare al di sopra di tutto il creato in Dio.

L'amore è una questione di grande valore ...

3. Chant triste - op. 36

M. Surzynsky (1866-1924)

4. Pie Jesu da Requiem - op. 48

G. Fauré (1845-1924)

Traduzione:

Buon Gesù, da 'loro il riposo eterno.

Ora che gli artisti stanno scendendo di nuovo, posso dirti qualcosa sulla continuazione di questo concerto, i numeri 5 e 6.

Prima di tutto, "Skizze" di Robert Schumann. "Skizze" in tedesco significa "Sketch", in altre parole una forma di musica che puoi usare in tutte le direzioni. Schumann scrisse 4 di questi "Skizzen" e li scrisse per il pianoforte a coda a pedali, che era un pianoforte a coda con un pedale sotto, come un organo.

Ciò aveva due vantaggi: un organista poteva esercitarsi a casa e non doveva andare in chiesa (non era necessario il trimmer dell'organo) e il pianista ora aveva opzioni extra per aggiungere toni extra con i suoi piedi. Schumann ha visto qualcosa, purtroppo non il resto del mondo, perché lo strumento era scomparso dal mondo della musica entro la metà del 19 ° secolo. Anche questo lavoro ha tre parti nella forma ABA.

Il compositore Giulio Caccini vi dirà poco, ma Caccini è ancora l'anello di congiunzione tra Rinascimento e Barocco. Lui e altri hanno inventato l'opera, per così dire, e ha "scoperto" che era anche bello suonare una melodia con un accompagnamento di basso e accordi. Ai suoi tempi tutto suonava confuso, per così dire, lo sentirete presto nella fuga di Bach, ma Caccini, e più tardi eravamo tutti del tutto fan della cosiddetta 'monodia', la sentite già: una sola melodia . E Amarilli, pubblicato nel 1602, è una tale monodia in cui la melodia del cantante ottiene tutta l'attenzione. L'accompagnamento suona in francese su un cosiddetto 'chest organ', che è un organo a canne in cui tutte le canne sono nascoste in una cassa e che puoi quindi spostare. E di cosa parla la canzone? Ovviamente sull'amore ...

5. Skizze n.3 in fa minore dall'op. 58

R. Schumann (1810-1856)

6. Amarilli

G. Caccini (1550-1618)

Traduzione:

Amarilli è il mio amante,

il suo nome è scritto nel mio cuore:

Amarilli è il mio amante!

Facciamo un altro cambiamento perché ora entra in scena il quarto organo, un cosiddetto "Pedalion", che è un harmonium con il suo motore a fiato (non devi pedalare) e un pedale come un normale organo. Era destinato a piccole chiese e cappelle che non potevano permettersi un organo a canne o dove non c'era posto per esso. È prodotto in Inghilterra intorno al 1920, quindi ha un secolo. Completamente restaurato nel 2005 da Huivenaar di Dieren. La chiesa lo ha in prestito dalla Fondazione Volckaert. Il lavoro di Liszt, secondo Frans, non è esattamente un ottimo lavoro di questo grande compositore, ma puoi sentire quali sfumature sono possibili sullo strumento: da molto morbido a molto forte!

L'Ave Maria che Luisa canterà tra un attimo si adatta bene a questa pedalata e la musica di Francesco Paolo Tosti, un italiano che ha avuto molto successo in Inghilterra, è allo stesso livello della composizione di Liszt, un po 'sentimentale e zuccherina, ma oh così bella!

7. Andante maestoso

P. Liszt (1811-1886)

all'inno "Slavimo, slavno, Slaveni!"

8. Ave Maria

P. P. Tosti (1846-1916)

Traduzione (gratuita):

La melodia dell'organo risuona contro le cupole dorate;

la giornata stava lentamente volgendo al termine; una nuvola d'incenso si raggomitolò verso il cielo, e piano mormorai: Ave Maria.

Nell'oscurità di quell'ora, la pace paradisiaca,

un angelo mi apparve, che sembrava un cavaliere e

A te ho gridato invano: Ave Maria.

Una mano tesa dal cielo azzurro

e mi ha salvato dalla mia miseria,

abbi pietà di me: Ave Maria.

Dopo questi deliziosi bon-bons torniamo alle patate lesse: sode e sane! La fuga di Bach, che appartiene al preludio con cui abbiamo iniziato questo concerto, è di alto livello. Le fughe sono una sorta di canone: le voci iniziano una dopo l'altra e il tema semplice è costituito da note tranquille che salgono di 5 note e poi di nuovo giù (francese, suonalo per un momento).

Quindi sarai accompagnato in una giostra di musica di Bach per 7 minuti e spetta all'ascoltatore ascoltare quel tema ancora e ancora; poi di nuovo nelle note alte, poi di nuovo basse nel pedale o nascosto da qualche parte nel mezzo. Insomma, una festa di musica, ma devi sapere come funziona! Fortunatamente, tutto si riunisce alla fine in un bellissimo accordo finale in si maggiore!

9. Fuga in si minore - BWV 544

JS Bach

da 'Praeludium et Fuge' (vedi n. 1)

Per concludere questo pomeriggio l'Ave Maria del compositore italiano Luigi Luzzi, compositore di molta musica vocale e famoso per una sola opera: questa Ave Maria.

10. Ave Maria

L. Luzzi (1824 - 1876)

Traduzione:

Ave Maria, piena di grazia ...

Programma e spiegazione 19-07-2020
Luisa Kop.jpg
Luisa Kop

Luisa Kop (1997, Oosterhout) ha iniziato a cantare all'età di quindici anni nel coro della chiesa di St. Jansbasliek a Oosterhout sotto Jan Willems. Prese presto lezioni di canto con Bas Ramselaar e poi andò a studiare al conservatorio di Tilburg, dove attualmente si sta diplomando con Margriet van Reisen e Sinan Vural. Inoltre riceve regolarmente lezioni di canto dalla prozia e cantante lirica Silvana Ferraro a Roma.

Luisa canta sia corale che solista in Kamerkoor Zuid diretta da Rick Muselaers ed è anche regolarmente attiva in concerti nella regione. Ha partecipato all'opera di Bernstein “A Quiet Place” di Opera Zuid sotto la direzione di Karel Deseure, e nel 2019 ha cantato gli assoli di soprano dei Carmina Burana diretti da Marcella van der Heijde.

Frans%20Bullens_edited.jpg
Frans Bullens

ha studiato organo con Maurice Pirenne al Conservatorio Brabant (diploma nel 1978) e tastiere elettroniche-musica leggera presso lo stesso istituto (diploma nel 1996).

Dal 1970 al 1980 Frans è stato organista presso la chiesa di St. Lambertus a Veghel. Nella sua vita lavorativa è stato associato alla fondazione "Het KunstPodium" - Dongen, Gilze & Rijen e alla fondazione "H 19" di Oosterhout come insegnante di organo, tastiere, pianoforte e formazione corale.

Al momento Frans Bullens è ancora attivo come direttore di coro-organista nella Parrocchia di Dongen e come tale associato alla Chiesa di San Lorenzo, dove, oltre all'organo, dirige anche il Coro misto St. the Gregorian Choir. È anche maestro di coro presso la Basilica di St. Jan a Oosterhout e nella parrocchia St. Elisabeth a Raamsdonk e Raamsdonksveer.

È membro del consiglio di amministrazione della Ned. St. Gregory Association della diocesi di Breda, membro del consiglio del Dutch Gregorian Festival e consigliere della Ludens Foundation e della Mattheus-Passion Foundation, entrambe a Oosterhout. A volte, Frans Bullens è anche organista, compositore ed editore di molta musica strumentale e vocale (da chiesa).

Molti dei suoi salmi di risposta sono pubblicati nelle messe domenicali di Gooi & Sticht e nell'abbazia di Berna. Per la diocesi di Breda ha scritto la "Messa vd H. Geest" e quattro salmi di risposta per la Vormselliturgie. Per l'ordine dei monfortani compose due serie di cantici di Montfort in una traduzione di A. Govaart, entrambi pubblicati su CD. Ha anche composto 6 canzoni per la raccolta Canzoni francescane che è stata pubblicata nel 2019.